Apple in "Il Padre padrone"

12 10 2007

                                                       Da qualche ora ho saputo che un gruppo di clienti Apple che hanno aquistato iPhone, intenteranno una "Class Action" sia contro la stessa casa di cupertino che contro AT&T che vende materialmente il telefono.Il motivo è presto detto: L’ipotesi di un monopolio dietro l’angolo reso ancor piu’ evidente a causa del riblocco del telefono in questione, dopo che era stato possibile togliere la protezione via software .Non vorrei approfondire su questo versante dato che penso non sia lecito basare un azione legale(Class Action) su un azione illegale (sblocco del telefono).Vorrei invece soffermarmi sulla filosofia Apple che da’ un po’ di tempo mi crea qualche prurito di troppo.Lungi da me denigrare una casa che sforna prodotti sicuramente innovativi, stilosi e facili da usare, ma…TROPPO CHIUSI. In un mondo dove l’open source sta’ prendendo sempre piu’ piede, dove gli utenti sono sempre piu’ degli smanettoni e/o con capacità e conoscenze di molto superiori a quella degli anni passati, non si puo’ mettere in commercio un prodotto totalmente blindato (vedi Microzozz) in cui non si puo’ nemmeno sostituire la batteria da sé ( non sono di certo un genio ma questo mi riesce con i cell normali!).Il software messo a disposizione a dell’incredibile e vero, ma essendo chiuso non potremmo mai sapere se qualche genio (quelli veri) svilupperebbe applicazioni ancor piu’ incredibili. Finisco qui, il mio astio nasce dal fatto che reistallando tutto il S.O. e scaricando iTunes ho avuto la bella idea di sincronizzare il mio amato iPod, con il risultato di veder cancellati tutti i file e podcast che avevo.Una mente "normale" avrebbe pensato ad una sincronizzazione inversa cioe’, da iPod (pieno di dati) ad iTunes (completamente vergine) cosi’ da riavere tutto come prima.Complimenti Sig. Jobs sei rimasto il compagno di merende del tuo amico Bill Gates.

Dopo questo un abbraccio forte forte a Linux.

Annunci




LucidTouch: Un "tocco" nuovo in casa Microsoft.

7 09 2007

Volevo cominciare la nuova serie di articoli dopo il Crash elettrico del PC avvenuto sabato scorso con qualcosa che ci facesse ben sperare per il futuro, invece leggendo un po’ di feed vengo a conoscenza dell’ennesima boiata di casa Microsoft. Questa volta addirittura si e’ fatta aiutare dalla Mitsubishi electric e dall’universita’ di Toronto.Il dispositivo nel video permette infatti ti “toccare” lo schermo dal retro tramite una telecamerica che segue il movimento delle mani.Lo scopo ultimo e’ (credo) quello di liberare lo schermo il piu’ possibile, cosi’ da avere una visuale migliore rispetto al classico sistema frontale che comunque e’ possibile utilizzare. Il sistema e’ ancora in fase sperimentale e non nutro buoni presentimenti,dovrebbe essere utilizzato nei dispositivi mobili per permettere una navigazione ed in generale una gestione input piu’ veloce. Il video in questo e’ molto esplicativo… Pareri opinioni? Sono solo io a preferire il Tocco classico o al massimo l’uso del pennino?

A presto.





Pout Pourri di notizie

31 08 2007

  Oggi vi voglio parlare di un po’ di tutto!Siccome la noia,il caldo, l’afa mi stanno debilitando in maniera eccessiva non ho piu’ la forza per approfondire un solo argomento.Quindi do’ un po’ di notizie buttate li’!Se interessano bene, se non ve ne frega niente passate pure avanti.

     Per prima cosa commento una notizia che mi ha fatto scoppiare a ridere appena letta. A settembre potremmo acquistare il primo e-book con fragranza di libro! Cos’e’ sta’ roba direte voi? Bene l’iniziativa parte dal sito CafeScribe.com che alleghera insieme ad ogni libro elettronico un adesivo di quelli “gratta &odora” al sapore di “vecchio libro un po’ ammuffito”.Il motivo e’ presto detto! Una ricerca fatta dalla Zogby International ha riscontrato che, il 43% degli studenti attribuisca l’odore come preferenza legata alla caratteristica dei libri fisici. Soluzione: adesivi all’odore di muffa cartacea da grattare mentre si legge un ebook.Ve lo immagginate? Cosi’ tentano di far decollare la vendita di libri eletronici? E poi che fine ha fatto il librofonino che doveva lanciare Tim il settembre scorso? Foto QUI 

    Passiamo avanti con un altra notizia altrettanto inutile. Microsoft, non so’ con quale colpo di genio, ha aperto un blog in cui scrivono alcuni Hacker che lavorano per la casa stessa.Lo scopo mi e’ del tutto oscuro se qualcuno puo’ far luce…ecco il link QUI (solo per gli appasionati di codice)

 

    Ennesima notizia che definirei ridicola!(oggi,sara’ per il caldo,smi sento molto critico) Le principali testate recitano…”dopo ‘iPod, l’iMac, l’iPhone, in arrivo anche l’iCar!” A quanto pare il gruppo volkswagen in collaborazione con la “mela” ha intenzione di lanciare sul mercato questa fantomatica auto,rivolta ad un pubblico giovane e con un prezzo di base sui 6500€.Realta’ o fantasia? Ai posteri la risposta. Comunque guardate il bellissimo marchi accorpato uno nell’altro QUI

Per il momento e’ tutto, vado a mettermi sotto ghiaccio.

A presto.





Le Wi che non abbiamo in Italia.

21 08 2007

 Questa volta prendo il discorso alla larga cosi’ da smaltire il nervosismo accumulato cercando notizie sull’argomento.L’unico Wi di cui possiamo usufruire liberamente nel “Bel paese” e’ solo quello seguito da un altra  “i” sto parlando della console prodotta da mamma Nintendo.

Per quanto riguarda tutte le altre, in Italia si latita alla grande a cominciare dalla oramai “obsoleta” Wi-Fi che magari a molti sembrera’ cosa del XXIII° secolo gioendo e cantando se beccano un Hot spot “libero”.Bene signori e signore vi faccio presente che la suddetta tecnologia e’ ormai superata!Potremmo paragonarla ad una connessione Wap di molti anni fa’.Ma andiamo con ordine e prendiamo a piene zampe dalla nostra amata wikipedia fonte inesauribile di informazioni.

Wi-Fi, abbreviazione di Wireless Fidelity, è il nome commerciale delle reti locali senza fili (WLAN) basate sulle specifiche IEEE 802.11.Con un access point è possibile coprire con banda larga fino a una distanza di 300 metri teorici (uso domestico) se non vi è alcuna barriera in linea d’aria. In presenza di muri, alberi o altre barriere il segnale decade a 150 metri.

Queste reti si stanno espandendo sempre piu’ ma ripeto ormai e’ una tecnologia superata, vediamo invece cosa usano i nostri amici Coreani(dal mondiale 2002 non tanto!)

In questo paese e’ di larga diffusione il WiBro.Le loro stazioni base  offrono un throughput complessivo tra i 30 ed i 50 Mbit/s, e coprono un raggio di 1-5 Km, permettendo così l’uso nomadico di Internet. La tecnologia offre anche qualità del servizio, in modo da permettere a WiBro di inviare contenuti video in streaming e altri dati che necessitano di inviare dati in maniera affidabile.

Attenzione! In Italia durante le Olimpiadi di Torino e’ stato fatto un test con questa rete infatti:

Leggi il seguito di questo post »





Big Brother: Ma siamo noi!

18 08 2007

 Quante volte abbiamo sentito dire a questo e quello,di governi o agenzie legate a loro che spiavano i poveri ed ignari cittadini! Di intercettazioni telefoniche, ambientali ecc.. ne abbiamo ormai le tasche piene! Ci mancava solamente una societa’ che costruisse mini dispositivi GPS alla portata di molte tasche che permette a mariti o mogli gelose  di “tracciare” gli spostamenti del proprio compagno.Si potrebbe pure nascondere in uno scooter cosi’ da sapere se il proprio figlio sia andato o meno a scuola! Stiamo parlando di dispositivi come quelli prodotti da SkyTRX con il suo SkyTRX mini traker (300$) che permette, una volta recuperato dal veicolo sotto controllo, di scaricare i dati tramite usb e vedere il percorso fatto su Google Earth. Lascio a voi le congetture sul futuro di queste tecnologie di “controllo”.Ma la liberta’ non era un diritto una volta?

In aggiunta se qualcuno si chiedesse se tutto questo e’ legale, beh! la risposta e’ SI dato che “le auto o qualsiasi altro veicolo non costituiscono un domicilio” quindi non viene applicato il divieto di intercettazione come nelle abitazioni.Complimenti vivissimi alla legge sulla privacy e al suo garante!Bel buco legislativo.





Il Futuro in casa Microsoft

17 08 2007

 

Niente piu’ ricerche testuali o per parola chiave, ma  ricerca visuale. Ecco come in futuro (secondo Microsoft) verranno cercati e organizzati i dati sia per quanto riguarda il locale, sia per la rete.Il video credo sia molto esaustivo a riguardo. Continuando su questa strada si potrebbe arrivare presto a sistemi operativi e browser web che ricordano quelli del film “Johnny  Mnemonic” del 1995. Se non ricordate ho messo il video della sua famosa “Web Serfata” dopo il salto

Leggi il seguito di questo post »





Mano bionica

14 08 2007

Ecco a voi il video dell’ultima versione della mano bionica chiamata i-LIMB e realizzata dalla Touch bionics.L’arto testato su alcuni soggetti sia militari che civili é collegato tramite sensori all’attività elettrica/muscolare generata all’estremità della porzione integra.Quindi ancora non si e’ arrivati al pieno controllo cerebrale come e’ stato annunciato da alcune fonti autorevoli.I’aspetto piu’ innovativo dell’ i-LIMB risiede proprio nell’interpretazione dell’attivita’ muscolare da parte dei sensori, facendo si’ che si possano muovere le dita in maniera autonomo gestendo anche oggetti piccoli come penne e carte di credito.

Vi rimando per finire al sito del produttore QUI

 I prezzi di questo oggettino variano dai 60.000 ai 100.000 euro.