Siete impulsivi? Adesso sapete perchè!

23 08 2007

  Recentemente scoperta l’area in cui il cervello gestisce le azioni di “sospensione dei comandi di esecuzione”. Di che si tratta? In parole semplici  il cervello umano possiede un area apposita per bloccare le azioni che compie istintivamente, cosa che ci differenzia in maniera netta dagli animali che non possiedono tale funzione. L’esperimento e’ stato condotto da  un gruppo di ricercatori del Max Planck Institut per la cognizione umana di Lipsia e dell’University College di Londra, diretti da Marcel Brass e Patrick Haggard,  sottoponendo i tester ad una risonanza magnetica  funzionale, mentre era chiesto loro di premere un pulsante d’istinto o, a volte di fermarsi mentre stavano per compiere l’azione.In tal modo e’ stata evidenziata una notevole attivita’ nell’area che si trova proprio sopra la zona orbitale (sopra gli occhi) che si “accende” solamente con la volonta’ dell’individuo di fermare l’azione che sta’ compiendo, mentre resta “spenta” se all’intenzione segue l’azione “istinto”.

Dice Martha Farah dell’Università della Pennsylvania:   “È molto importante identificare i circuiti che rendono possibile la ‘libera nolontà’ (possibilita’ di bloccarsi)in quanto sono molti i disturbi psichiatrici in cui l’autocontrollo rappresenta un problema importante, dal deficit di attenzione alle dipendenze fino ad alcuni disturbi della personalità.” 

Quindi la domanda sorge spontanea…..A Zidane per i mondiali non si’ e accesa nessuna lampadina in testa? 

Annunci




I vecchi ricordi? Ci pensa Pkmz!

18 08 2007

 Un gruppo di ricercatori israeliani ha scoperto un enzima fondamentale per mantenere vivi i vecchi ricordi. Mentre prima si supponeva che il processo di memorizzazione a lungo termine del cervello fosse statico, ovvero, creasse i ricordi e li archiviasse nella corteccia,adesso grazie all’esperimento condotto da questi ricercatori si e’ scoperto che non e’ proprio cosi’.Infatti il processo e’ si quello appena descritto ma dopo la fase di “archiviazione” interviene un enzima che tiene costantemente in vita le connessioni memorizzate. L’esperimento fatto con delle cavie e’ stato illuminante, infatti hanno insegnato a dei topi a evitare certi cibi “amari” dopo diversi mesi e stata iniettata loro una sostanza che blocca la proteina Pkmz.Risultato: I topi avevano dimenticato quali erano i cibi da evitare. Il tutto fa’ ben sperare su una ricerca che punti a migliorare le capacita’ mnemoniche umane. Vedremo se in futuro non avremo piu’ bisogno dei Post-it!